131 Risposte

← Precedente Pagina 7 di 7
  1. andrea
    andrea at |

    Salve, ho 23 anni; ad agosto ho avuto la maledettissima idea, la peggiore cosa che mi potesse capitare in vita mia… dio solo sa quanta rabbia ho…di fumare una canna, da li ho avuto un attacco di panico terrificante, il giorno dopo dallo spavento enorme, e’ stata una cosa terribile quell’attacco di panico… mi sono svegliato derealizzato; ovviamente non avendola mai provata prima sta derealizzazione… mi sono spaventato a morte e questo ha causato altri attacchi di panico… insomma sono andato avanti un mese…. sono stato addirittura da uno psichiatra che mi ha dato un farmaco, perché nel frattempo avevo fatto l’errore di andare a vedere su internet di sta derealizzazione\depersonalizzazione e mi ero fissato, per cui avevo sto malessere di sottofondo come una ossessione… ora a 8 mesi di distanza, mi trovo in questa situazione: ho smesso il citalopram e non ho piu’ avuto attacchi di panico, ma ogni tanto, spesso quando sono solo in casa ma non solo, dipende dai momenti mi viene la fissa che mi venga derealizzazione\depersonalizzazione, e non so come fare andare via sti pensieri che non mi fanno piu’ vivere serenamente niente… io riesco a fare tutto, non ho problemi, do anche gli esami, esco, da fuori sono normale, ma sta paura di vivere sto senso di irrealta\estraneita’ e’ come un’ossessione,che non riesco a levarmi….aiutatemi….

    Reply
    1. IPSICO
      IPSICO at |

      Il farmaco sicuramente l’ha aiutata, ma dal momento che gli attacchi di panico hanno un impatto fortemente traumatico, è normale che si sia sensibilizzato e viva con la paura di riprovare certe sensazioni orribili. Solo un buon trattamento psicoterapeutico di tipo cognitivo comportamentale può aiutarla a superare definitivamente il problema. Saluti

  2. silvana
    silvana at |

    da 6 mesi ho perso mio marito x male incurabile aveva 57 anni, ho due figli maggiorenni ma ho paura di tutto anche un semplice influenza dei miei figli mi provoca angoscia

    Reply
    1. IPSICO
      IPSICO at |

      Gentilissima, probabilmente soffre di uno stato di ansia generalizzata, che solitamente è associato a una flessione dell’umore in senso depressivo, forse conseguente e reattiva al lutto. Le suggeriamo pertanto di rivolgersi a un bravo psicoterapeuta cognitivo comportamentale, o al limite a uno psichiatra che possa prescriverle una cura, per cercare di recuperare il suo buon umore e di conseguenza ridurre le sue ansie immotivate. Saluti

  3. Marco
    Marco at |

    Ciao a tutti…..soffro di attacchi di panico da circa tre mesi e certe volte mi sembra di impazzire…..ho senso di paura per tutto e mi blocco anche al lavoro…..da circa un mese sono in terapia psicologica che in parte un po’ aiuta ma certe volte sento la necessità di mollare tutto!!!!è normale secondo voi?grazie

    Reply
  4. Rebecca
    Rebecca at |

    Soffro di attacchi di panico dal 2006, in seguito ad un episodio di violenza sessuale. Sono stata in cura 20 giorni (avrei dovuto restarci due anni). Prendevo psicofarmaci consigliati da due diversi specialisti : stessa prescrizione, variavano solo le dosi! Optai per la cura meno forte ma, nonostante tutto, ero un vegetale (trascorrevo le giornate nel letto, non avevo forze per fare nulla, solo il cervello era attivo e piangevo di questa situazione). Smisi di prendere farmaci (andando contro i medici) e piano piano sono migliorata ma non guarita. Basta un pizzico di ansia in eccesso per vedermi ricomparire TUTTI i sintomi presenti in questo articolo. E’ un inferno. Un circolo senza speranza … anche perchè le circostanze della vita non mi aiutano minimamente (un accumulo di ansie e sofferenze condite da rarissime – e preziose – gioie). Come se ne esce???? Grazie.

    Reply
    1. IPSICO
      IPSICO at |

      Sicuramente non si esce da questi problemi con i soli farmaci, a maggior ragione quando esattamente riconducibili a un evento traumatico come una violenza. Occorre che affronti un buon percorso psicoterapeutico di tipo cognitivo comportamentale, possibilmente con un terapeuta che applichi anche la tecnica dell’EMDR, specifica per l’elaborazione dei traumi. Saluti

  5. Alberto
    Alberto at |

    Salve,
    sono un ragazzo di 18 anni, la scorsa settimana ho avuto un attacco di panico ed è stato terribile, tremori, formicolii al viso, palpitazioni, pianto, sudorazione e paura.
    Da quel momento in poi mi sento vuoto e credo di star entrando in depressione, ma è gia da molto che sono giu per vari motivi.
    I giorni prima dell’attacco, dopo aver svolto attività fisica mi sono sempre sentito accaldato eccesivamente ed ero molto ansioso, sopratutto in palestra.
    Ora sono sempre agitato e temo di poter piangere da un momento all’altro, dovrei rivolgermi a qualcuno o può essere solo un episodio che non ricapiterà?
    Grazie per l’aiuto e chiedo scusa per il disturbo

    Reply
    1. IPSICO
      IPSICO at |

      Può essere anche un singolo episodio e non significa niente. Se si spaventa e inizia a stare in allarme per paura di provare nuovamente quelle sensazioni, è la volta buona che entra nel circolo vizioso del disturbo di panico. Cerchi di non farlo, ma se il problema dovesse persistere (anche solo la paura che ricapiti) non esiti a rivolgersi a un bravo psicoterapeuta di formazione cognitivo comportamentale. Saluti

  6. giuliana
    giuliana at |

    Salve,sono una ragazza di 29 anni,e siccome sono eccessivamente ansiosa,soffro di attakki di panico,sono stata piu volte al pronto soccorso,ma nn riesco a “vincere” la paura vivo nel panico,ad ogni attacco subito penso ad un attacco cardiaco e penso al peggio,sentendomi ancora puu male!!!!….e’ normale?se cosi si puo definire….grazie mille

    Reply
    1. IPSICO
      IPSICO at |

      Carissima, non è normale vivere nella paura di un attacco di panico, ma è la tipica sensazione che descrive chi soffre di un disturbo di panico. Deve prendere in considerazione seriamente la possibilità di iniziare un percorso psicoterapeutico ad orientamento cognitivo comportamentale (se può eviti gli psicofarmaci) che l’aiuti a comprendere a affrontare questi problemi. Saluti

  7. Enrica
    Enrica at |

    A nemmeno 2 anni di distanza ho perso mia figlia ( mamma di due ragazzi ) lo scorso agosto anche mio marito sono molto ansiosa depressa sempre con la paura di non saper crescere i ragazzi a volte basta una cosa da poco per farmi disperare con quella forma di attacchi di panico ( ignoravo si potesse trattare di questo ) di attacchi di panico ne ho sentito parlare ma mai provati ho subito quattro interventi di tumore al seno e all’utero, mia figlia è morta di calcinoma peritoniale mio marito calcinoma tonsillare l’anno dopo che è mancata mia figlia
    ho 72 anni ne ho passate di tutti i colori appena sento un disturbo oppure qualcuno in casa parlare di disturbi
    mi prendono queste crisi di paura che ancora ci sia ombra di tumori , non so quali esami dovrei fare soffro di forti cefalee fin da piccola .Grazie

    Reply
    1. IPSICO
      IPSICO at |

      Gentilissima, più che di attacchi di panico forse soffre di ansie per la salute o ipocondria. Ciononostante, è importante che venga aiutata e quindi la invitiamo a rivolgersi se possibile a un qualificato psicoterapeuta cognitivo comportamentale, che possa aiutarla a elaborare i due dolorosi lutti e ad affrontare le sue paure al momento ingiustificate. Saluti

  8. luisa
    luisa at |

    salve,
    ho 28 anni ,sono già 4 mesi che non posso più uscire perchè mi sento male…
    chiedo un vostro aiuto pechè non sò come posso curare questi sintomi.. ho vampate di calore con tachicardia,sudorazione con tremore e sintomo di svenimento a tal punto da dovermi sedere perchè inizio a sentirmi molto debole e ho affaticamento respiratorio e tutto questo mi porta a nn avere più appetito ho provato con calmanti e antidepressivi,senza avere alcun risultato …ho fatto prelievi di sangue ed è tutto apposto . ma come mai ho questi sintomi?
    grazie mille in anticipo

    Reply
    1. IPSICO
      IPSICO at |

      Gentilissima, come ben illustrato nell’articolo, questi sintomi hanno primariamente una base psicologica e devono essere affrontati con un supporto psicoterapeutico ad indirizzo cognitivo comportamentale, che nel tempo può darle ottimi risultati. Non si affidi solo ai farmaci che nel migliore dei casi hanno effetti solo temporanei. Saluti

  9. teresa
    teresa at |

    Salve ho 23 anni e nn riesco a capire se ultimamente soffro d attacchi di panico. Premetto ke è un periodo di forte stress i miei genitori nn stanno bene e lavoro in proprio. Nei momenti di tensione mi manca il respiro ho la tachicardia mi fa male il petto mi gira la testa e comincio a tremare…non capisco se la mancanza di respiro sia dovuta al fatto ke soffro anche d’asma?come aiuto in questi momenti uso il ventolino per l’asma.

    Reply
    1. IPSICO
      IPSICO at |

      Da ciò che dice sembrano proprio crisi d’ansia o panico, ma solo un’attenta valutazione specialistica può darle risposta. Si rivolga a qualificati professionisti, meglio se terapeuti cognitivo comportamentali, per una valutazione e eventuale terapia. SAluti

  10. Cristina
    Cristina at |

    Salve,
    sono una ragazza di 22 anni e sono sempre stata una persona molto ansiosa, fin da bambina. La settimana scorsa ho avuto il mio primo attacco di panico e ho avuto paura di morire. Ho avvertito una forte vertigine, dopo di che ha iniziato a girarmi la testa (premetto che soffro di cefalea muscolo tensiva) con forte tachicardia e affaticamento respiratorio. Da quel giorno ho sempre la sensazione di stare lontana dalla realtà, come se stessi dentro una bolla, mi sento stordita, ho dolori al petto, affaticamento respiratorio e il nodo in gola. Ieri ho iniziato a prendere i fiori di Bach. Potete darmi qualche consiglio per riuscire a superare tutto questo?
    Grazie mille in anticipo

    Reply
    1. IPSICO
      IPSICO at |

      Carissima, i fiori di Bach sono un palliativo e non hanno alcuna funzione documentata. Come indicato nel nostro articolo, la psicoterapia cognitivo comportamentale è la strada migliore da percorrere in questi casi, eventualmente associata a una terapia farmacologica adeguata a base di antidepressivi specifici per il panico, sotto prescrizione medico-specialistica, Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con * sono obbligatori.

*