3 Risposte

  1. Erik Brentano
    Erik Brentano at |

    Mi ritrovo purtroppo con una compagna “borderline”.
    Ciò che ho letto sopra rispecchia purtroppo le caratteristiche salienti del temperamento della mia compagna e la nostra non è certo una vita facile.
    Il problema fondamentale è che non ne vuole sapere di accettare l’idea di avere qualcosa che non va e di conseguenza non prende in alcuna considerazione l’idea di sottoporsi ad una psicoterapia.
    Mi sono documentato molto sull’argomento ed adesso, per fortuna, riesco a distinguere i comportamenti patologici da quelli caratterialmente sani.
    Di conseguenza non la colpevolizzo e cerco di mantenere l’equilibrio allentando o tirando la corda a seconda dei casi: ad esempio la contengo sulle spese, ho eliminato gli alcolici , ho ridotto al minimo i cibi dei quali abusa e, per il resto, non tocco quei punti che so già in partenza che la sua patologia le rende inaccessibili: es il riconoscimento dei comportamenti patologici.

    Reply
  2. Luigi Maria Rapisarda
    Luigi Maria Rapisarda at |

    Sono un medico del Servizio Tossicodipendenze di Ostia Lido. Ho apprezzato la chiarezza dell’articolo , che ha una notevole valenza didattica.

    Reply
  3. Angela Stano
    Angela Stano at |

    È tutto vero e purtroppo. riconosco tutto in un folle che ho dovuto denunciare per stolking

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con * sono obbligatori.

*