Training “Terapia Metacognitiva Interpersonale (TMI) per i Disturbi di Personalità”

20Ott2018
24Mar2019

In collaborazione con: 

Docenti: dott. Antonino Carcione, dott.ssa Donatella Fiore, dott. Giuseppe Nicolò, dott. Antonio Semerari
Comitato organizzativo: dott. Antonino Carcione, dott.ssa Ilaria Riccardi
Terzo Centro di Psicoterapia Cognitiva - Roma

Sede del corso: Firenze - Polo Didattico Donatello - Piazzale Donatello 20

  • I Modulo: 20-21 ottobre 2018
  • II Modulo: 26-27 gennaio 2019
  • III Modulo: 23-24 marzo 2019

Orario 9.00-18.00

Nella pratica clinica capita sempre più spesso di dover trattare pazienti che, stando ai manuali nosografici, soffrirebbero di 3 o 4 disturbi di personalità, oltre che di molteplici sintomi psicopatologici che li portano in terapia (ansia, depressione, ecc.). La mancanza di un adeguato modello da seguire per la concettualizzazione del caso rende la terapia più complicata e meno efficace. Inoltre la maggior parte delle terapie manualizzate sono rivolte soltanto al Disturbo Borderline di Personalità.

La Terapia Metacognitiva Interpersonale è un modello scientificamente fondato, sviluppato nel corso di 20 anni presso il Terzo Centro di Terapia Cognitiva di Roma, che tratta i vari disturbi tenendo conto sia dell’aspetto categoriale sia di quello dimensionale. Gli studi più recenti evidenziano, infatti, come un fattore generale sottostante a tutti i disturbi di personalità sia rappresentato da difficoltà nella metacognizione (intesa come la capacità di riflettere e ragionare sui propri e altrui stati mentali), causa di sofferenza soggettiva e di difficoltà nelle relazioni interpersonali.

Il training illustra come intervenire sui vari disturbi di personalità attraverso un’attenta costruzione e gestione della relazione terapeutica, avendo come obiettivo strategico l’incremento del funzionamento metacognitivo. Al termine del training i partecipanti saranno in grado di effettuare un assessment metacognitivo, di utilizzare i principali strumenti per la valutazione della metacognizione, di formulare un caso, di effettuare interventi specifici per il miglioramento del funzionamento metacognitivo, di gestire situazioni critiche nel corso delle sedute, di organizzare presso i loro servizi o studi professionali servizi per i disturbi di personalità utilizzando metodi e strumenti del III centro di psicoterapia cognitiva.

Modalità didattica: Il training alterna didattica frontale ed esperienziale: alle fasi di apprendimento frontale, che sia avvale di video e vignette cliniche, si alternano numerosi momenti di role-playing e analisi di casi reali.  

Destinatari: Il training è rivolto a psichiatri, psicologi, psicoterapeuti (anche in formazione), che desiderino apprendere non solo un modello teorico ma anche come strutturare il trattamento dei casi gravi e complessi come i disturbi di personalità.

Quota d’iscrizione:Il costo del training è di € 190,00 + IVA (€ 231,80) a modulo, oppure di € 450 + IVA (€ 549,00) per i tre moduli. E' possibile accedere al II e III modulo solo se si è frequentato il primo modulo o se si ha già una conoscenza di base approfondita del modello TMI di riferimento. Il costo dei tre moduli è ridotto a € 360,00 + iva (€ 439,20) per gli allievi ed ex allievi della scuola di psicoterapia IPSICO. La quota d'iscrizione deve essere versata anticipatamente al momento dell'iscrizione stessa. In caso di rinuncia durante lo svolgimento del training o oltre quindici giorni prima del suo inizio, sarà comunque dovuta l'intera quota di frequenza.

Attestato: Alla fine del training verrà rilasciato un attestato di partecipazioneNON sono previsti crediti ECM.

Modalità d'iscrizione:  Per iscriversi al training è necessario inviare via fax o email (scansionata) la scheda scaricabile cliccando qui, compilata in ogni sua parte, allegata al pagamento della quota di iscrizione. Le domande saranno accettate in ordine di arrivo, fino ad esaurimento dei posti a disposizione.

Programma dettagliato:

Modulo I - 20-21 ottobre 2018 - Docenti: dott. A. Carcione, dott.ssa D. Fiore

La metacognizione e i principi della Terapia Metacognitiva Interpersonale

  • Introduzione alla Terapia Metacognitiva Interpersonale (TMI) e la crisi della nosografia attuale: la complicazione eccessiva della diagnosi; perché la metacognizione come target del trattamento.
  • Le basi della metacognizione: sviluppo, neurobiologia e definizioni del costrutto.
  • Il monitoraggio, l’integrazione, la differenziazione, la comprensione della mente altrui/decentramento, il padroneggiamento/la mastery,
  • Audio registrazioni ed esercitazione utilizzando l’Intervista per la Valutazione della Metacognizione (IVaM)
  • La TMI per i disturbi di personalità: principi generali
  • Struttura della TMI attraverso un video di seduta
  • La concettualizzazione del caso nella TMI: stati mentali, metacognizione, relazioni interpersonali e regolazione emotiva e delle scelte
  • Analisi e discussione di un caso clinico: assessment e definizione della strategia di trattamento
  • Discussione e feedback

La relazione terapeutica: la costruzione dell’alleanza e la gestione delle rotture

  • L’uso terapeutico della relazione e l’alleanza terapeutica
  • Lo stile conversazionale del terapeuta
  • I cicli interpersonali problematici: procedure e tecniche nella gestione dei cicli
  • Cicli interpersonali tipici: invalidante, aggressivo abusante, di allarme, del distacco, competitivo
  • Principi di conduzione della seduta. Gli ostacoli alla metacognizione. Gestire i momenti critici in seduta
  • Analisi e discussione di un caso clinico: come affrontare le crisi dell’alleanza
  • Discussione, feedback e conclusioni

Modulo II - 26-27 gennaio 2019 - Docenti: dott. A. Carcione, dott. A. Semerari

Quando è prevalente la disfunzione dell’integrazione: Disturbi di Personalità Borderline, Dipendente, Istrionico

  • La valutazione della metacognizione
  • Video/audioregistrazione di una seduta ed esercitazione
  • La gestione della relazione terapeutica: caoticità e dipendenza
  • L’assessment, la concettualizzazione del caso e la definizione della strategia di trattamento
  • Le strategie di incremento della funzione integrativa
  • Le strategie di gestione delle relazioni interpersonali: instabilità, distacco, dipendenza
  • Le strategie di gestione dei cicli interpersonali tipici: i cicli acuti, d’allarme, della dipendenza
  • Superare gli ostacoli alla metacognizione. La regolazione del tono emotivo, la gestione degli stati dissociativi
  • Analisi e discussione del trattamento di un caso clinico
  • Discussione, feedback e conclusioni

Modulo III - 23-24 marzo 2019 Docenti: dott. A. Carcione, dott. G. Nicolò

Quando è prevalente la disfunzione del monitoraggio emotivo e del decentramento: Disturbi di Personalità Evitante, Narcisista, Paranoide, Ossessivo-Compulsivo

  • La valutazione della metacognizione
  • Video/audioregistrazione di una seduta ed esercitazione
  • La gestione della relazione terapeutica: opacità ed egocentrismo
  • L’assessment, la concettualizzazione del caso e la definizione della strategia di trattamento
  • Le strategie di incremento delle funzioni di monitoraggio e di decentramento
  • Le strategie di gestione delle relazioni interpersonali: distacco, diffidenza, esclusione, competizione, empatia
  • Le strategie di gestione dei cicli interpersonali tipici: i cicli acuti della distanza, della competizione, della sospettosità
  • Superare gli ostacoli alla metacognizione. La regolazione del tono emotivo. Il problema dell’empatia e del senso morale
  • Analisi e discussione del trattamento di un caso clinico
  • Discussione, feedback e conclusioni

 

Se hai apprezzato questo articolo condividilo con i tuoi amici: